Collegamenti sponsorizzati

Conto corrente o conto deposito

Conto corrente o conto deposito?

Mettere al sicuro i propri risparmi in tempi di crisi, instabilità e tassi di interesse sempre più bassi, non è più semplice come prima. C'è chi preferisce investire nei Bot, chi invece sceglie il rischio delle azioni, ma sono sempre di più le persone che decidono di parcheggiare i propri risparmi in conti correnti o conti deposito, cioè un conto ad alto rendimento. Ma conviene? In cosa si differenzia da un normale conto corrente bancario? Quando conviene scegliere uno e quando conviene scegliere l'altro?
Conto corrente o conto deposito? Collegamenti sponsorizzati
Conto corrente: un portafoglio quotidiano
Con il tradizionale conto corrente bancario la banca permette al cliente di depositare e gestire i propri risparmi in cambio di un canone fisso e di commissioni legate ai servizi. Con un conto corrente si ha diritto a tutti i servizi bancari: pagamenti, prelievi, assegni, bancomat, carte di credito, domiciliazione bollette e altro. Gli interessi sul capitale depositato ci sono, ma sono quasi sempre molto bassi, praticamente intorno allo zero. In sintesi: molti servizi, molti costi, pochi guadagni. Un caso particolare si ha però in caso di protesto: l'apertura di un conto corrente a protestati potrebbe risultare infatti molto complessa.

Quando conviene il conto corrente: è uno strumento necessario per la vita quotidiana di un qualunque risparmiatore o lavoratore, dunque conviene se si ha uno stipendio o una pensione da accreditare, se si fanno o si ricevono pagamenti e se si preleva spesso del contante.  

Quali convengono: i più economici sono i conti correnti on line: in cambio di costi molto ridotti è possibile effettuare tutte le operazioni tramite il computer invece che allo sportello della filiale. Spesso i conti on line non hanno nè il canone fisso nè l'imposta di bollo. Particolari vantaggi anche per i giovani e gli studenti.

Conto deposito: un salvadanaio con gli interessi
Chi invece ha un capitale da investire e vuole sfruttare interessi più alti può aprire un conto deposito, da affiancare al normale conto corrente. Le operazioni a disposizione sono molto limitate ma, soprattutto e si vincola il capitale per un determinato periodo, si ha diritto a tassi di interesse che possono arrivare anche al 3%, dunque molto al di sopra dei normali interessi dei conti correnti. Oltre a questo, i costi sono praticamente assenti. In sintesi: pochi servizi, nessun costo, più guadagni del normale.

Quando conviene il conto deposito: Si tratta di un porto sicuro dove parcheggiare i propri risparmi. Conviene se si ha un piccolo capitale da parte e lo si vuole far fruttare in tempi brevi con interessi più alti, senza però rischiare di perderlo come invece può capitare con le azioni.

Quali convengono: di solito i più remunerati sono quelli con un periodo di vincolo del denaro più lungo, come il conto deposito unicredit, che può arrivare fino a 12 o 18 mesi. Questo significa che in quel periodo il denaro non potrà essere ritirato, pena la perdita degli interessi e in alcuni casi anche il pagamento di una penale. 
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati
ARTICOLI CONSIGLIATI


Collegamenti sponsorizzati


Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta