Collegamenti sponsorizzati

fondo di garanzia

Fondo di Garanzia

Il Fondo di Garanzia facilita l’accesso al credito delle piccole e medie imprese. Quali categorie di imprese sono ammesse, e quali investimenti sono coperti dalle garanzie del Fondo? Lo scopriamo nella pagina che segue, dove vi forniamo anche i riferimenti normativi e i link ai siti utili dove informarvi sulle opportunità offerte e sulle procedure di ammissione ai benefici del Fondo di Garanzia.

Fondo di Garanzia Collegamenti sponsorizzati

Il Fondo di Garanzia favorisce l'accesso al credito delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una copertura finanziaria di garanzia all’istituto erogante il finanziamento.

Fondo di Garanzia – Beneficiari finali
Possono beneficiare del fondo di garanzia ex legge 662 96  le piccole e medie imprese che rientrano nei parametri dimensionali di cui alla vigente disciplina comunitaria in materia di Aiuti di Stato, i  consorzi o le società consortili costituiti tra pmi e le società consortili miste operanti su tutto il territorio nazionale. Sono ammessi ai benefici del Fondo le imprese e i consorzi giudicati economicamente e finanziariamente sani, ovvero ritenuti in grado di fare fronte agli impegni derivanti dalle operazioni per le quali è richiesto l'intervento del Fondo. Essi devono appartenere a uno dei seguenti settori Istat:
Agricoltura, caccia, silvicoltura (solo controgaranzia)
Pesca, piscicoltura e servizi connessi (solo controgaranzia)
Estrazione di minerali
Attività manifatturiere
Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua
Costruzioni
Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali e per la casa
Alberghi e ristoranti
Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni
Attività immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, altre attività professionali ed imprenditoriali
Istruzione
Sanità e altri servizi sociali
Altri servizi pubblici, sociali e personali.

Fondo di Garanzia – Operazioni ammesse
Il Fondo garantisce la copertura per finanziamenti a medio-lungo termine, di durata superiore a 18 mesi e inferiore a 10 anni, concessi a piccole e medie imprese o consorzi, per investimenti destinati all’acquisizione di beni materiali o beni immateriali (quali brevetti, licenze di sfruttamento delle conoscenze tecniche brevettate e conoscenze tecniche non brevettate), effettuati sul territorio nazionale successivamente alla data di presentazione della richiesta di finanziamento. Per i beni acquisiti è posto un vincolo di destinazione per 5 anni dalla data di ammissione all'intervento del Fondo.

Fondo di Garanzia – Tipologie di intervento
La garanzia del Fondo può essere diretta, ossia prestata direttamente a favore dei soggetti finanziatori (banche, intermediari finanziari e società finanziarie per l'innovazione e lo sviluppo); può configurarsi come controgaranzia a favore dei Confidi e di altri fondi di garanzia; o infine come cogaranzia, ovvero garanzia prestata dal Fondo direttamente a favore dei soggetti finanziatori e congiuntamente ai confidi, agli altri fondi di garanzia o al Fondo Europeo per gli Investimenti. Possono richiedere la garanzia diretta le banche iscritte all'albo di cui all'articolo 13 del decreto legislativo 385 93; gli intermediari finanziari iscritti nell'elenco speciale di cui all'articolo 107 dello stesso decreto; S.F.I.S. (società finanziarie per l'innovazione e lo sviluppo) iscritte all'albo di cui all'articolo 2, comma 3, della legge 317 91; per quanto riguarda la controgaranzia e la cogaranzia, possono accedervi i Confidi e gli altri fondi di garanzia, gestiti da intermediari finanziari iscritti nell'elenco generale di cui all'articolo 106 del decreto legislativo 385 93. L’entità delle agevolazioni previste dal Fondo di Garanzia varia a seconda delle caratteristiche del beneficiario finale e della tipologia di intervento attuata. Per notizie e aggiornamenti sulle opportunità offerte dal Fondo e per maggiori dettagli sulle agevolazioni concesse dal Fondo di Garanzia consultate il sito Fondodigaranzia.it .

Fondo di Garanzia – Domanda di ammissione
La procedura di domanda di ammissione alla garanzia ha inizio con una istanza a Medio Credito Centrale, che deve essere presentata dall’ente finanziatore entro 6 mesi dalla data della delibera dell’operazione per la quale la garanzia è richiesta. La richiesta di ammissione può essere avanzata anche prima della delibera, ma in tal caso la data della delibera deve essere comunicata entro 3 mesi dalla data di ammissione ai benefici del Fondo di Garanzia. A seguito della domanda di ammissione, MCC compie una valutazione del soggetto beneficiario finalizzata ad accertarne lo stato di sanità economica e finanziaria: dopo aver ricevuto la documentazione necessaria e aver sottoposto la richiesta di ammissione al Comitato di gestione del Fondo, MCC comunica al soggetto richiedente i risultati dell’istruttoria. Per informazioni più dettagliate sulle procedure, gli adempimenti e i tempi relativi alla domanda di ammissione alle agevolazioni del Fondo di Garanzia potete accedere alla sezione Leggi e Norme del portale Pmi.it.
 

Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati


Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta