Collegamenti sponsorizzati

investire in etf

Investire in ETF

Gli ETF sono degli strumenti di investimento nati negli Stati Uniti, ma che si sono rapidamente diffusi nel resto del mondo, dove hanno conosciuto un notevole successo. Gli ETF, acronimo di Exchange Traded Fund, non sono altro che dei fondi di investimento che vengono negoziati in borsa in tempo reale, alla pari di un qualunque altro titolo azionario.
Investire in ETF Collegamenti sponsorizzati
Sin dalla comparsa dei primi ETF sviluppati dall’Amex (American Stock Exange), i titoli più scambiati sono stati quelli relativi agli indici americani Nasdaq e Dow Jones, grazie soprattutto alla grande liquidità e agli spread molto ridotti.
Il motivo del successo degli ETF nei mercati azionari mondiali sta nel fatto che questo strumento di investimento ibrido sfrutta i punti di forza delle sue due componenti: in qualità di fondo di investimento, esso comporta un margine di rischio basso; in qualità di titolo azionario, un ETF è indicizzato, cioè soggetto ad un continuo aggiornamento, poiché il suo rendimento muta in tempo reale assieme all’indice di mercato di riferimento. In tal senso, un’operazione di investimento in ETF ha sempre una connotazione in qualche modo passiva, poiché si limita a replicare l’andamento dell’indice e non contempla alcuna possibilità di azione da parte dell’investitore.
Per essere sempre aggiornati sul mercato dell’Exchange Traded Fund potete consultare il magazine di Finanzaonline dedicato agli ETF. Si tratta di una newsletter quindicinale di approfondimento e analisi puntuale delle proposte presenti sul mercato.
Attualmente gli ETF quotati sulla borsa italiana sono circa un centinaio e vengono negoziati senza sosta, e senza aste, sul Mercato Telematico Azionario (MTA), precisamente nel segmento del Mercato Telematico dei Fondi (MTF), dalle 09:10 alle 17:25.
I costi di negoziazione sono più o meno gli stessi previsti per altre tipologie di titoli azionari. Le commissioni di entrata/uscita/performance sono nulle, mentre le commissioni annue sono variabili e proporzionate al periodo di detenzione del titolo. Solitamente esse rappresentano un quinto delle commissioni previste da un fondo di investimento comune o a gestione attiva.
Nel caso in cui il benchmark di riferimento sia statunitense, sarà opportuno per il risparmiatore tener conto del cambio tra Euro e Dollaro (EUR/USD) per calcolare il rendimento del titolo in questione. Su Indexfunds.com è possibile trovare un elenco di tutti gli ETF, ciascuno corredato di link con i relativi dettagli.
Chi decidesse di investire in ETF può rivolgersi tranquillamente alla propria banca attraverso i classici canali che gli istituti di credito mettono a disposizione. Ricordiamo che proprio gli investitori istituzionali sono tra i maggiori utilizzatori di ETF.
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati


Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta