Collegamenti sponsorizzati

legge 266 97

Contributi alle Pmi contro il degrado urbano

L’articolo 14 della legge 266 97 prevede un sostegno alle imprese che operano nelle periferie delle grandi città italiane, sotto forma di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto. In questa pagina scopriamo quali sono gli investimenti ammissibili e quali soggetti possono beneficiare delle agevolazioni della legge 266 97.

Contributi alle Pmi contro il degrado urbano Collegamenti sponsorizzati

L’articolo 14 della legge 266 97 concede agevolazioni per lo sviluppo di iniziative economiche e imprenditoriali in aree di particolare degrado urbano e sociale nei Comuni di Bari, Bologna, Cagliari, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Torino, Venezia. I programmi di intervento, predisposti dai Comuni secondo le direttive della legge 266 97, includono agevolazioni finanziarie ma anche interventi formativi, incubatori, costituzione di fondi di garanzia, interventi infrastrutturali.

Legge 266 97 - Beneficiari
Beneficiari delle agevolazioni sono le nuove piccole imprese, società di persone o di capitali, cooperative o imprese costituite da non oltre 18 mesi, da costituire aventi unità produttiva nelle periferie.
I settori di attività ammessi sono:
Agricoltura, Pesca;
Estrattivo, Manifatturiero, Costruzioni;
Commercio all’ingrosso e al dettaglio;
Riparazione di autoveicoli e beni personali per la casa;
Alberghi e Ristoranti,
Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni;
Attività immobiliari, noleggio, informatica, ricerca;
Istruzione, servizi pubblici, sociali, personali.
Sono escluse invece le imprese che si trovano in stato di liquidazione, amministrazione controllata, concordato preventivo o procedura fallimentare e inoltre le imprese che, nell’ultimo esercizio hanno registrato perdite eccedenti un terzo del capitale sociale.

Legge 266 97 – Spese ammissibili e non ammissibili
Le agevolazioni dell’articolo 14 della legge 266 97 comprendono gli investimenti volti al rinnovo dei macchinari e degli impianti e al miglioramento del livello tecnologico dell'apparato produttivo. Sono ammissibili le seguenti spese, al netto di IVA:
Spese di progettazione, fattibilità, progettazione esecutiva, direzione lavori, servizi di consulenza e assistenza alla redazione del business plan, nel limite del 5% del totale degli investimenti ammissibili;
Acquisizione di brevetti, realizzazione marchio aziendale, realizzazione sito WEB, realizzazione di sistemi qualità e/o ambientali, certificazione qualità e/o ambientali;
Opere murarie in misura non superiore al 50% del totale degli investimenti ammissibili;
Impianti specifici, macchinari e attrezzature, compresi gli arredi.
Sistemi informatici e software;
Investimenti atti a consentire che l’impresa operi nel rispetto di tutte le norme di sicurezza dei luoghi di lavoro, dell’ambiente e del consumatore e, tra questi, investimenti specifici volti alla riduzione dell’impatto ambientale, allo smaltimento/riciclaggio dei rifiuti e alla riduzione dei consumi energetici e idrici.
La legge 266 97 non ammette invece le spese per costituzione società, acquisto di terreni e fabbricati, acquisto di beni di rappresentanza e/o ad uso promiscuo (anche personale), quali ad esempio computers portatili, autovetture, telefoni cellulari, mezzi di trasporto (questi ultimi sono ammessi solo se direttamente connessi al ciclo produttivo), spese  relative all’attività gestionale, spese sostenute in epoca anteriore alla data di presentazione della domanda di contributo, spese sostenute in contanti per importi superiori a €. 250,00, spese di importo inferiore a €. 50,00.

Legge 266 97 - Contributi previsti
Le agevolazioni concesse interessano fino al 50% delle spese di investimento ammesse e comunque per un importo non superiore a centomila euro. Nello specifico, le imprese beneficiarie usufruiranno di un finanziamento a tasso agevolato dell’1,5% annuo per un importo non inferiore al 50% dell’agevolazione concessa (pari al 25% dell’investimento ammesso) e di un contributo a fondo perduto per la restante quota (massimo il 25% dell’investimento ammesso). Per l’erogazione dei fondi previsti dalla legge 266 97, articolo 14, è’ prevista l’uscita di bandi periodici relativi alle singole aree geografiche di riferimento. Informazioni su bandi attuativi, documenti necessari e download dei moduli per la domanda di contributi legge 266 97 potete consultare  il portale Imprenditori del Domani nella sezione Contenuti on line > Finanziementi Pubblici.
 

Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati


Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta