Collegamenti sponsorizzati

Prestiti cambializzati per disoccupati

Prestiti cambializzati: un'opzione da valutare per chi è disoccupato

Articolo aggiornato il 04-04-2014 alle 15:44

Banche e finanziarie non concedono prestiti personali a chi non può certificare un reddito garantito e continuativo, quindi i disoccupati sono tagliati fuori da qualsiasi possibilità di ottenere prestiti in base alla formula tradizionale di erogazione. Attraverso il ricorso al prestito cambializzato, invece, anche una persona disoccupata può ottenere un finanziamento: vediamo come... 
Prestiti cambializzati: un'opzione da valutare per chi è disoccupato Collegamenti sponsorizzati
Per chi è o figura come disoccupato è praticamente impossibile ottenere un prestito personale, a meno che non ci sia un parente con reddito certificato (busta paga, modello unico o pensione) a fare da garante. Il ricorso al prestito con cambiali non si discosta molto da queste condizioni di base, ma prevede la possibilità per il disoccupato di portare a garanzia anche un eventuale immobile di proprietà, cosa che potrebbe aprire uno spiraglio per l'ottenimento del prestito. Una volta stabilite e accettate le garanzie portate dal richiedente disoccupato, cosa che richiede solo qualche giorno, l'istituto di credito trasferisce la somma del prestito alla controparte che, firmando le cambiali (che hanno un costo), si impegna a restituire l'importo ricevuto a intervalli di tempo stabiliti nelle cambiali stesse, corrispondendo anche una somma supplementare a titolo di interesse. Il tasso annuo deve essere fisso e stabilito al momento dell'attivazione del prestito cambializzato, e non può superare il 16%. Il pagamento delle rate del prestito cambializzato avviene appunto attraverso un deposito di denaro da parte del richiedente presso la banca che ha erogato il finanziamento, la quale provvederà ad annullare il debito rappresentato dalle singole cambiali, sino a esaurimento. Per garantirsi dal mancato pagamento delle cambiali, soprattutto in caso di richiedenti disoccupati, le banche esigono la stipula, a carico del soggetto che riceve il finanziamento, di una polizza di assicurazione che coprirà l'eventuale inadempimento, fermo restando che i beni posti a garanzia del prestito cambializzato sono immediatamente pignorabili. Il prestito cambializzato prevede dunque costi e rischi superiori da parte del richiedente, ma con questa operazione è possibile, anche per chi è disoccupato, ottenere in prestito una somma commisurata alle garanzie presentate. Non tutti gli istituti di credito accettano di erogare questo tipo di prestiti: per facilitare la ricerca, abbiamo selezionato alcune finanziare che erogano tra i loro servizi anche prestiti cambializzati, per disoccupati e non. 
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati

Argomenti Correlati

Prestiti cattivi pagatori

Una lista di istituti creditizi che erogano prestiti ai cattivi pagatori. Tutte ...

Prestiti con cambiali

I prestiti con cambiali sono una forma creditizia che permette di abbassare ...


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati


Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta