Collegamenti sponsorizzati

prestiti per disoccupati

Prestiti per disoccupati, dai contributi al social lending

Articolo aggiornato il 28-08-2013 alle 15:54

I prestiti per disoccupati sono difficili da ottenere, eppure ci sono dei casi in cui anche i disoccupati possono ottenere un prestito. Nell'articolo che segue vediamo allora quali sono le principali opportunità che si presentano in tal senso, oltre alle varie modalità attraverso cui si può accedere ad un prestito per disoccupati.
Prestiti per disoccupati, dai contributi al social lending Collegamenti sponsorizzati
Quando sentiamo parlare di prestiti per disoccupati pensiamo subito a qualcosa d'impossibile da ottenere ed in realtà non è facile ottenere prestiti per disoccupati, in quanto istituti di credito e società finanziarie, prima di erogare somme di denaro in prestito, vogliono tutelarsi e garantire il credito concesso.

Ma come fa un disoccupato nel caso dovesse aver bisogno di un prestito per fronteggiare una difficoltà, finanziarsi un piano formativo o crearsi da sè un lavoro diventando imprenditore? Ha o non ha delle possibilità?
Ebbene anche i disoccupati possono avere varie chance di richiedere e ottenere prestiti. La principale opportunità di ottenere prestiti per disoccupati resta quella offerta dalle regioni, tramite i finanziamenti a fondo perduto. Infatti, le regioni, soprattutto quelle più svantaggiate, ossia quelle del Sud Italia, si vedono concedere dal'Unione europea, fondi destinati ad implementare lo sviluppo del territorio. Le regioni, a loro volta, mettono a disposizione dei propri cittadini tali risorse sotto forma di contributi a fondo perduto. Per accedere a tali risorse, però, oltre al fatto che bisogna essere disoccupato, bisogna presentare o un progetto di studi o un progetto imprenditoriale. In questo caso, dunque, i prestiti per disoccupati, sono concessi sotto forma di finanziamenti a fondo perduto e hanno come obiettivo quello di favorire la crescita personale e professionale del soggetto richiedente ed economica e territoriale della regione. Ecco alcuni approfondimenti sui prestiti per disoccupati sotto forma di contributi a fondo perduto.
Una modalità nuova è invece rappresentata dal dilagante fenomeno del social lending, di cui il sito internet Boober, si è fatto strumento e portavoce in Italia. Qui possiamo ottenere prestiti per disoccupati direttamente tra privati, in quanto il social lending, appunto, permette di bypassare i canali di intermediazione tradizionali e, dunque, i privati possono scambarsi risorse a seconda delle proprie esigenze. A tal proposito molto interessante risulta l'articolo di Info-prestiti.org, dedicato al prestito privato a cui possono accedere anche per disoccupati.
Interessante circa i prestiti per disoccupati è anche il sito internet dell'Ente bilaterale del Lavoro Temporaneo che offre la possibilità a chi non ha un lavoro fisso di ottenere agevolazioni per arffrontare le difficoltà economiche. Nella sezione "Sostegno al reddito", infatti, i lavoratori disoccupati da almento 45 giorni, possono richiedere un prestito per disoccupati sotto forma di sostegno al reddito.
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati

Argomenti Correlati

Prestiti disoccupati

I disoccupati, oggi, hanno scarse possibilità di accedere al credito. I ...


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati


Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta