Collegamenti sponsorizzati

prestiti poste italiane

I prestiti di Poste Italiane: grande opportunità per giovani e meno giovani

Articolo aggiornato il 03-02-2014 alle 16:33

Tra le tantissime opportunità di finanziamento degli istituti creditizi italiani, i prestiti di Poste Italiane si fanno notare per semplicità della procedura, rapidità nell’erogazione e convenienza dei rimborsi. Perché scegliere un prestito di Poste Italiane, a chi rivolgersi e come avere un preventivo. Link diretti a siti per approfondire il tema e valutazioni in merito.
I prestiti di Poste Italiane: grande opportunità per giovani e meno giovani Collegamenti sponsorizzati
Poste Italiane è considerato da molti ancora la vecchia posta dove recarsi a prelevare la pensione o piccole somme dal libretto dei risparmi. La sua evoluzione e la sua crescita, economica e strutturale, l’hanno fatto diventare, negli anni, un istituto creditizio con proposte interessanti sia nell’ambito dei finanziamenti sia nell’ambito dei depositi. I prestiti di Poste Italiane si presentano oggi come un altro riferimento sia per grandi sia per piccoli risparmiatori. Le sue formule di prestito sono già in linea con quelle presenti nel mercato e, inoltre, presentano delle particolarità . Andiamo a vedere insieme cosa sono i prestiti di Poste Italiane e a chi potrebbero risultare utili.

Prestiti Poste Italiane: descrizione e commento
Iniziamo col dire che esistono due fondamentali forme di prestito che Poste Italiane propone agli utenti: la prima è Prontissimo e la seconda è Prestito Banco Posta.

Prontissimo
Prontissimo è una speciale formula di prestito che Poste Italiane offre anche a chi non è titolare di un conto Banco Posta o di un qualunque conto corrente. La sua assoluta convenienza, in questo caso, è legata anche agli importi erogabili. Questa particolare forma di prestito è pensata per chi ha intenzione di richiedere piccole somme per qualunque utilizzo, dalla macchina a una piccola ristrutturazione della casa, fino alla vacanza. La categoria è quella dei prestiti veloci e la sua particolarità sta proprio nel fatto che lì erogazione è praticamente immediata. La procedura è semplicissima, ci si presenta ad uno sportello abilitato Poste Italiane con carta d’identità, codice fiscale e ultima busta paga, nel caso dei pensionati o di lavoratori atipici, con cedolino pensione o modello unico. Gli importi erogabili vanno da 1.500 a 6.000 euro che possono essere rimborsati sia tramite bollettini postali sia con addebito diretto in rate che vanno dai 24 ai 72 mesi. Prontissimo presenta le seguenti caratteristiche che lo rendono quasi unico nel suo genere: non ci sono spese istruttorie (spese di richiesta del prestito), no ci sono spese di commissione per l’incasso delle rate ne per l’invio di comunicazioni, il TAN è al 12,90% e il TAEG/ISC è al massimo al 13,70%, infine, non ci sono spese nel caso in cui vogliate estinguere le rate anticipatamente. La convenienza di questo particolare prestito offerto da Poste Italiane è facilmente intuibile. Non ci sono costi aggiuntivi, si da la possibilità a chiunque abbia un minimo di reddito dimostrabile di avere somme non ingenti in tempi estremamente rapidi, si ha alle spalle un istituto parastatale che offre sicurezza e certezze, si ha un’assoluta trasparenza riguardo tutte le caratteristiche del prestito e le sue condizioni.

Prestito Banco Posta
Il prestito Banco Posta di Poste Italiane rientra nella categoria dei prestiti personali. La sua convenienza rispetto alle proposte di altri istituti bancari sta nelle sue condizioni di rimborso rate, tassi d’interesse tra i più bassi del mercato e assoluta trasparenza e chiarezza delle condizioni generali del prestito. Innanzitutto dobbiamo specificare che il prestito in questione è riservato a chi ha un conto Banco Posta. Le caratteristiche dell’offerta sono le seguenti: non ci sono spese istruttorie ne costi aggiuntivi per il pagamento delle rate, possono essere richiesto importi che vanno da 1.500 a 30.000 euro che possono essere rimborsati in rate che vanno dai 12 agli 84 mesi. Gli interessi. Per somme che vanno da 1.500 a 10.000 euro Il TAN è al 9,90% , il TAEG può arrivare al massimo al 10,38% ;  per somme superiori ai 10.000 euro il TAN è all’ 8,90% e il TAEG può arrivare al massimo al 9,27%. Di seguito vi forniamo il link per poter veder quale sarà la rata del tuo prestito direttamente online e senza costi o sprechi di tempo Prestito Banco Posta. Questo tipo di prestito risulterà interessante per chi ha dei progetti importanti e non vuole avere la pressione di rate ingenti e tassi d’interesse importanti e, soprattutto, a chi vuole avere la comodità di gestire il tutto dal proprio pc o dallo sportello Poste Italiane più vicino. 
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati

Argomenti Correlati

Prestiti giovani

Alcune banche e finanziarie offrono pacchetti agevolati per prestiti e ...

Prestiti dipendenti statali

I prestiti per dipendenti statali sono una forma creditizia riservata ai ...


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati


Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet