Prestito garantito dallo Stato: come funziona

Il prestito garantito dallo Stato è una misura che mira a sostenere le aziende che si trovano in difficoltà durante la crisi economica causata dal COVID-19. Il governo italiano ha messo a disposizione delle imprese una somma di denaro destinata a coprire le spese di esercizio, gli investimenti e il pagamento delle rate dei finanziamenti.

Come richiedere il prestito garantito

Per richiedere il prestito garantito dallo Stato, le aziende devono rivolgersi alle banche aderenti al fondo, presentando la documentazione richiesta. Le istanze sono trattate in ordine di arrivo e i finanziamenti saranno concessi fino a esaurimento delle risorse.

Le banche che aderiscono al fondo valutano l’ammissibilità delle aziende sulla base di criteri specifici, come la solidità finanziaria, il fatturato, il patrimonio netto e la situazione debitoria.

Requisiti per accedere al prestito

Per accedere al prestito garantito dallo Stato, le aziende devono rispettare alcuni requisiti. In particolare, devono essere attive e regolarmente iscritte alla Camera di Commercio, avere sede operativa in Italia e non essere in stato di crisi alla data del 31 dicembre 2019.

Le aziende che hanno subito una riduzione del fatturato a causa della pandemia possono accedere al prestito garantito dallo Stato, a patto che il calo del fatturato sia superiore al 33% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Importo e durata del prestito

L’importo massimo del prestito garantito dallo Stato è pari al 25% del fatturato del 2019 o al doppio della massa salariale del 2019, a seconda di quale delle due cifre sia maggiore. La durata del finanziamento può variare da un minimo di 5 a un massimo di 6 anni.

Tasso di interesse e garanzie

Il tasso di interesse applicato al prestito garantito dallo Stato è variabile e dipende dalle condizioni del mercato. Le garanzie richieste per l’accesso al finanziamento variano a seconda della situazione dell’azienda, ma in ogni caso l’erogazione del prestito è garantita dallo Stato.

Cosa succede se non si riesce a rimborsare il prestito

Le aziende che non riescono a rimborsare il prestito garantito dallo Stato possono richiedere una proroga del finanziamento o un’estensione del periodo di rimborso. In caso di mancato pagamento, l’azienda potrebbe andare in default e il fondo di garanzia sarebbe chiamato a coprire il debito.

Tuttavia, se l’azienda non è in grado di rimborsare il prestito garantito dallo Stato, potrebbe subire gravi conseguenze, come la perdita di credibilità nel mercato, la riduzione della capacità di investimento e la possibilità di essere dichiarata fallita.

Conclusioni

Il prestito garantito dallo Stato è una misura di sostegno alle imprese in difficoltà durante la pandemia. Le aziende che rispettano i requisiti richiesti possono accedere al finanziamento, ottenendo un sostegno economico per coprire le spese di esercizio e mantenere in vita la propria attività. Tuttavia, è importante tenere presente che il prestito garantito dallo Stato è un finanziamento che va restituito e che, in caso di mancato pagamento, potrebbe causare gravi conseguenze per l’azienda.

Leave a Reply